ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Kosovo, tensioni interetniche acuite nel nord

Kosovo, tensioni interetniche acuite nel nord
Dimensioni di testo Aa Aa

Le relazioni interetniche nel nord del Kosovo sembrano essersi deteriorate: un dialogo tra le parti è più che mai necessario. Così il rappresentante speciale delle Nazioni Unite nella regione Lamberto Zannier, nel corso di una riunione al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Nell’insieme la situazione in Kosovo – ha riferito – resta “complessa, ma stabile”.

“La stabilità e la prosperità del Kosovo nel lungo termine – ha affermato Zannier – sono strettamente legate a quelle dei suoi vicini e la partecipazione alle iniziative che promuovono la cooperazione regionale è la chiave per lo sviluppo necessario a garantire una pace duratura nella regione e la speranza di un futuro migliore per la sua gente”.

Il Kosovo sta attraversando la sua più grave crisi politica dall’autoproclamazione dell’indipendenza. Elezioni legislative anticipate sono previste per il 12 dicembre a seguito della mozione di sfiducia votata dal Parlamento contro l’esecutivo di Hashim Thaci.

Lo scorso settembre, l’Assemblea generale dell’Onu ha approvato una risoluzione comune Serbia-Unione Europea che prevede l’avvio di un dialogo fra Belgrado e Pristina.