ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Iraq. Le bombe di ieri hanno provocato 64 morti

Iraq. Le bombe di ieri hanno provocato 64 morti
Dimensioni di testo Aa Aa

Il bilancio della serie di attentati di ieri a Baghdad è salito ad almeno 64 morti, mentre i feriti sono circa 360. Nella capitale irachena sono esplose 10 autobomba, tutte in quartieri a maggioranza sciita. Il ritorno della violenza su vasta scala mostra che il paese è lungi dall’essere sotto controllo, mentre la situazione politica è in fase di stallo: dopo le elezioni non si riesce ancora a formare un governo.

Il premier uscente Nouri al Maliki ha espresso la propria solidaietà ai feriti ancora ricoverati in ospedale.

Ma non sono solo gli sciiti a rischiare la vita in Iraq. Il presunto ramo iracheno di Al Qaida ha decretato che tutti i cristiani devono ormai sentirsi nel mirino. Dopo la carneficina di domenica scorsa in una chiesa siro-cattolica di Baghdad, con una sessantina di morti, però, i cristiani iracheni si dicono pronti a resistere:

“Non prestiamo attenzione a tali minacce, noi restiamo qui – dice uno di loro – Non ci preoccupiamo delle minacce”.

Gli investigatori hanno trovato tre passaporti yemeniti e due egiziani all’interno del luogo di culto. Secondo la polizia irachena sarebbero appartenuti ai kamikaze responsabili della strage.