ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Gillard sul filo di lana. Al governo in Australia per un voto

Gillard sul filo di lana. Al governo in Australia per un voto
Dimensioni di testo Aa Aa

Julia Gillard la spunta sul filo di lana. Dopo oltre due settimane di trattative, il premier australiano uscente ha strappato i consensi necessari, per continuare a guidare il paese alla testa di un governo di minoranza. Di appena un seggio il vantaggio sull’opposizione maturato alla Camera dei rappresentanti, grazie all’appoggio incassato da tre deputati indipendenti e un esponente dei verdi.

“Grazie all’accordo di oggi con i deputati Indipendenti, Mr. Oakeshott e Mr. Windsor – il primo annuncio della Gillard -, e grazie a quello precedente con i Verdi e ovviamente con Mr. Wilkie, il Labour è ora pronto a governare il Paese”.

Battuto non dai numeri ma dal gioco delle alleanze, il contendente conservatore Tony Abbott si è detto amareggiato dalla mancata opportunità di condurre a sua volta le trattative. Risultato: un governo di minoranza, del tutto inedito nella storia australiana.

“Credo che tutto sommato possa essere una buona soluzione – il commento a caldo di un cittadino a Sydney -. Potrebbe innescare un processo democratico in grado di giovare a tutto il paese. Costringere a un confronto nel complesso più aperto e trasversale”.

Incremento dei fondi destinati a educazione, sanità e infrastrutture il prezzo dell’accordo con gli indipendenti, che ha consentito alla Gillard di porre fine all’impasse politica, innescata dalle elezioni del 21 agosto.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.