ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan, i Taliban rivendicano l'uccisione di gruppo di medici occidentali

Lettura in corso:

Afghanistan, i Taliban rivendicano l'uccisione di gruppo di medici occidentali

Afghanistan, i Taliban rivendicano l'uccisione di gruppo di medici occidentali
Dimensioni di testo Aa Aa

Facevano parte di una organizzazione umanitaria cristiana gli otto medici stranieri uccisi dai Taliban in un’imboscata nel nord ovest dell’Afghanistan. L’ONG installata in questa palazzina di Kabul aveva inviato la squadra di medici oftalmologi nella remota provincia del Badakshan. I corpi di sei americani, una britannica, una tedesca e due afghani del gruppo sono stati ritrovati crivellati di colpi. Somo morti probabilmente giovedì.

Dirk Frans, direttore di International Assistance Mission, spiega che la squadra di medici oculisti era partita per il Nuristan due settimane fa e ora aveva terminato il lavoro e stava ritornando a Kabul. “Li sentivamo ogni giorno con il telefono satellitare, dice, l’ultima volta che abbiamo parlato con il capogruppo era mercoledì sera”

I taliban, che tramite un portavoce hanno rivendicato l’uccisione degli otto lavoratori umanitari, sostengono che avevano con sè bibbie tradotte in dari la lingua locale e che la loro vera motivazione era fare del proselitismo.

Uno dei due medici afghani che si sono salvati ha detto che i Taleban lo hanno risparmiato perchè ha recitato versetti del corano.