ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Gautrain, il treno dei mondiali di calcio

Gautrain, il treno dei mondiali di calcio
Dimensioni di testo Aa Aa

Un treno mondiale. È il Gautrain, primo espresso regionale del continente africano. È stato inaugurato a Johannesburg oggi, in tempo per accogliere i tifosi in arrivo.

Il Gautrain, di una modernità che ha lasciato senza fiato molti occidentali, collega l’aeroporto internazionale al quartiere di Sandton. Viaggiando fino a 160 chilometri orari, copre la distanza in un quarto d’ora, contro una media di un’ora in auto.

Un residente esprime così il suo entusiasmo: “È molto accogliente, silenzioso, non come i treni normali, e meno traballante. È stato davvero forte. Mi sono divertito un sacco. Grazie, governo di Gauteng, grazie per il treno!”.

Ma la qualità si paga: l’andata costa più di 10 euro. Un patrimonio, per i sudafricani. Per ora, quindi, possono permetterselo solo turisti e businessmen. E anche potendoselo permettere, non è sempre facile ottenerne uno, come dimostra l’esperienza di un passeggero: “È stato fantastico. Ma c‘è stata confusione per i biglietti. Il treno è fantastico, è chiaro che l’hanno testato. Ma il parcheggio e i biglietti… non penso”.

La fretta non aiuta: i lavori sono stati accelerati in vista del calcio d’inizio. Ma è solo un primo passo: il progetto finale prevede una rete di trasporti pubblici destinata a rivoluzionare il modo di spostarsi in una regione dove l’auto è regina.

Ce ne parla il nostro corrispondente Sébastien Vuagnat da Pretoria: “Il Gautrain, vero e proprio orgoglio nazionale, non si fermerà qui. I lavori continuano perché il treno regionale raggiunga Pretoria, a 80 chilometri da Johannesburg. Ci vorranno allora 45 minuti per viaggiare fra le due città, mentre in auto bisogna mettere in conto un’ora e mezza in caso di ingorghi. Sui vagoni del Gautrain sono attesi 16 mila passeggeri al giorno. Prezzo medio di un biglietto, 35 rand, cioè tre euro e mezzo. Poco più di un taxi collettivo, ma molto più veloce. Il varo, fra un anno”.