ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Freedom Flotilla, un testimone racconta

Freedom Flotilla, un testimone racconta
Dimensioni di testo Aa Aa

Che cos‘è successo esattamente quel 31 maggio a bordo della Mavi Marmara? Le versioni sono contrastanti: secondo Israele i soldati hanno agito per legittima difesa, mentre gli attivisti affermano che i militari hanno sparato alla cieca sui passeggeri.

Marcello Faraggi, giornalista italiano, al momento dell’assalto si trovava su una delle navi della Freedom Flotilla. E anche se gli israeliani hanno confiscato ai giornalisti il materiale che avevano raccolto, lui è riuscito a salvare qualche immagine. Non, però, quelle che avrebbero dato consistenza alla sua testimonianza: che a bordo della Mavi Marmara non c’erano armi.

“Ho davvero potuto vedere che c’erano solo cose come sedie a rotelle, materiale per prefabbricati, medicinali eccetera – racconta -. Ma l’esercito ha confiscato tutte le mie cassette e l’unica cosa che sono riuscito a nascondere e a portare via con me è stata questa memory card. Perché hanno sequestrato tutto il mio materiale in violazione di tutte le leggi internazionali.

“Dei testimoni oculari mi hanno detto che i primi soldati sono stati trattenuti da alcuni attivisti turchi, e quelli che sono arrivati subito dopo sulla nave hanno sparato immediatamente, e due o quattro uomini sono morti sul colpo. Gli altri sono rimasti feriti e sono morti mentre venivano trasportati ad Ashdod.

“Noi siamo riusciti a scappare, e due ore dopo i soldati sono saliti sulla nostra nave e hanno cercato di costringerci a fermare i motori, dicendo che mettevamo in pericolo il cargo con gli aiuti umanitari, e che mettevamo in pericolo tutti i passeggeri. Ma vedete chi ha messo davvero in pericolo i passeggeri? Lo vediamo, come erano armati”.