ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Avanti tutta coi rimpatri da Gaza. Liberati gli italiani

Avanti tutta coi rimpatri da Gaza. Liberati gli italiani
Dimensioni di testo Aa Aa

Rispedire tutti a casa entro 48 ore. Israele accelera il rimpatrio degli attivisti, che erano a bordo della Freedom Flottilla.
“Era un convoglio umanitario – racconta uno di loro al confine con la Giordania, appena oltre l’Allenby Bridge -, ci trovavamo in alto mare, non in acque israeliane. Hanno sparato e ucciso delle persone, a bordo regnava il caos. Non siamo stati soccorsi, ci hanno ammanettati e maltrattati, senza neanche lasciarci andare al bagno. Non ci lasciavano fare nulla. E nel trasbordo verso Israele è stato anche peggio”.
In mattinata hanno lasciato il carcere di Beer Sheva anche i sei italiani, che si trovavano fra le 700 persone, a bordo del convoglio umanitario, attaccato in mare lunedì dai militari israeliani. In buone condizioni di salute, sono stati caricati in pullman con altri attivisti stranieri e condotti sotto scorta all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, per un trasferimento con scalo in Turchia.
Il mercantile irlandese Rachel Corrie continua intanto a far rotta su Gaza con il suo carico umanitario. Iniziativa che Israele si è già detto pronto a reprimere con un nuovo blitz.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.