ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Usa, la marea nera rischia di peggiorare

Usa, la marea nera rischia di peggiorare
Dimensioni di testo Aa Aa

La lotta non è solo contro il tempo cronologico ma anche con quello meteorologico, nel Golfo del Messico invaso dalla marea nera.

I forti venti da sud-est e le onde stanno rendendo quasi inutili le barriere galleggianti installate per contenere il petrolio fuoriuscito dalla Deepwater Horizon.

Frank Cole, del Dipartimento delle risorse naturali della Louisiana, riassume così la situazione: “Potremmo forse piazzare una o due barriere a ogni viaggio, e ci vogliono circa… credo, un turno di due ore per tornare indietro e prendere un altro carico. Non abbiamo mai avuto a che fare con una catastrofe di queste proporzioni. Siamo ottimisti, pensiamo di poter fare qualcosa di utile, ma molto dipende dalla durata di questa ‘cosa’ e dalla direzione prevalente dei venti”

I guardacoste Usa temono che la fuga di petrolio, già a 800 mila litri al giorno, possa aggravarsi ulteriormente, dopo la scoperta di due nuove falle. Intanto lo stato d’emergenza è stato dichiarato, dopo che in Louisiana e in Florida, anche in Alabama e Mississippi.
La Casa Bianca si difende dalle accuse di lentezza attaccando la British Petroleum.

“La compagnia, in base alla legge, è responsabile del risarcimento dei danni e delle operazioni di ripulitura”, ha detto il presidente Barack Obama.

Bp afferma di stare spendendo 6 milioni di dollari al giorno. Sulla compagnia pendono già almeno 26 azioni legali. Ma nessuno potrà ripagare gli uccelli o i delfini che rischiano di soccombere alla peggiore catastrofe ambientale della storia americana.