ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nazionalismo fiammingo sul piede di guerra in Belgio

Lettura in corso:

Nazionalismo fiammingo sul piede di guerra in Belgio

Nazionalismo fiammingo sul piede di guerra in Belgio
Dimensioni di testo Aa Aa

La guerra tra le comunità linguistiche in Belgio all’origine della cauduta del governo produce l’ultimo strappo: i fiamminghi vogliono impedire ai francofoni di acquistare case nel loro territorio.
La disputa è sul futuro di una circoscrizione elettorale alla periferia di Bruxelles, detta BHV, già in territorio fiammingo ma a forte presenza di francofoni. I fiamminghi puntano ad una scissione.

Presa negli ingranaggi di questa faida nazionalista, una giovane mamma, Alexia, che si è vista bloccare l’acquisto di una casa nel comune di Rhode saint Genese. La scusa ufficiale è che non ha legami con il paese.

“Mia figlia va all’asilo qui, ha già un posto da un anno e mezzo, un una scuola fiamminga, io stessa seguo corsi di fiammingo, se non sono legami questi… Secondo me lo sono. Inoltre 7 membri della mia famiglia vivono qui e sono proprietari di case a Rhode Saint Denese”.

Mark Demesmaeker, un parlamentare nazionalista fiammingo che ha compilato questo decreto del governo fiammingo difende il principio che lo ha ispirato:

“E’ un atto di discriminazione positiva per dare la possibilità alal gente di vivere nella propria regione, sono paesi in cui il prezzo delle case è aumentato troppo e la gente de posto non può più comperare”.