ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Pedofilia, dalla politica del silenzio alle scuse ufficiali del Papa

Pedofilia, dalla politica del silenzio alle scuse ufficiali del Papa
Dimensioni di testo Aa Aa

Se i casi di pedofilia nella Chiesa cattolica non sono una novità, da qualche mese lo scandalo è cresciuto a livelli senza precedenti, costringendo la Santa Sede a reagire. A febbraio, dopo che il rapporto Murphy ha alzato il velo su 14500 casi di abusi su minori in Irlanda, il papa ha incontrato i vescovi del paese.

È in quest’occasione che Benedetto XVI ha scritto una lettera ai cattolici irlandesi in cui condannava fermamente gli atti di pedofilia.

“Porgo a ciascuno dei sopravvissuti le mie scuse, esprimo il mio dolore e la mia vergogna per quel che è successo”. È stata questa la reazione unanime della chiesa alla Lettera pastorale: dall’Irlanda alla Germania, passando per l’Austria o i Paesi Bassi, le autorità religiose hanno fatto a gara a chiedere scusa alle vittime.

Il sito internet del Vaticano ha anche aperto una sezione speciale intitolata “Abuso sui minori: la risposta della chiesa”, che include le procedure da seguire in caso di abusi, e un’incitazione alle vittime a parlare e denunciare. Una vera rivoluzione per la Chiesa.

Marco Politi, biografo del Papa:

“La Congregazione per la dottrina della fede naturalmente ha sempre lavorato in gran segreto. E ora, è in una fase di transizione. Deve anche imparare a dare risposte rapide, e a essere il più possibile trasparente nelle sue politiche”.

Perché oltre al dramma vissuto, le vittime hanno dovuto subire anche questa legge del silenzio, quest’abitudine a lavare i panni sporchi in casa. Quasi sempre, la gerarchia sapeva, fino ai livelli più alti. È quanto almeno denunciano le vittime e i loro avvocati.

Jeff Anderson, avvocato:

“È dimostrato in maniera documentata e probatoria che tutte le strade, e la responsabilità ultima dello scandalo e degli insabbiamenti, portano a Roma”.

Ma la pratica del silenzio è finita. Una pratica che nasce, spiegano gli esperti, non tanto dalla volontà di mettere a tacere gli scandali, quanto dalla cultura del perdono e della confessione. Una volta, la Chiesa pensava di poter risolvere i suoi problemi nel segreto del confessionale. Oggi, di fronte alla vastità dello scandalo, tacere è diventato impossibile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.