ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ryan Air non pagherà rimborsi

Ryan Air non pagherà rimborsi
Dimensioni di testo Aa Aa

Placata finalmente l’ira del vulcano, ad esplodere è ora l’ira dei passeggeri.

Il traffico aereo europeo è tornato quasi normale in Europa. Ancora annullati voli nel Nord – in Svezia e Norvegia – ancora disagi a Heatrow, ma in generale si inizia a vedere uno spiraglio nella nube vuilcanica.

Ma adesso chi paga?

“Abbiamo comperato a caro prezzo il biglietto – si lamenta un passeggero – adesso spero che le compagnie aeree si occupino dei loro clienti”.

“E’ una presa in giro. – dice un altro – Voli con Ryan Air perchè pensi di risparmiare e poi devi pagare 400 o 500 euro per stare qui o tornare a casa. Dovremmo denunciare queste cose”.

Ryan Air non intende assolutamente rimborsare alberghi o altre spese: sostiene che la colpa è dei governi che hanno gridato all’allarme.

“Non rifiutiamo di pagare: ci limitiamo a rimborsare solo il prezzo del biglietto – dice l’amministratore delegato della compagnia low cost – Non possiamo pagare: anche le regole europee lo dicono: non ci sono rimborsi da versare visto che non è colpa della compagnia se i voli sono stati cancellati”.

Per chi finalmente è arrivato a casa inizia dunque un’altro viaggio fatto di lettere e telefonate per chiedere rimborsi: una guida si può leggere sul sito della Commissione europea. http://ec.europa.eu/transport/passangers