ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da al Sadr, un rerefendum per decidere il premier

Lettura in corso:

Da al Sadr, un rerefendum per decidere il premier

Da al Sadr, un rerefendum per decidere il premier
Dimensioni di testo Aa Aa

Nemmeno un mese dopo le elezioni, gli iracheni sono chiamati di nuovo a votare, sul premier. Stavolta si tratta di un referendum, non ufficiale, organizzato per oggi e domani dal movimento di Moqtada al Sadr, con lo scopo di fare scegliere agli iracheni la persona che guiderà il futuro governo di Baghdad.

Il leader radicale sciita – che si trova in Iran – è deciso a fare valere il suo peso politico, forte di 40 seggi ottenuti il 7 marzo. “Il referendum esprime l’opinione degli iraheni – ha detto un collaboratore di al Sadr, Hazem al Aragee. Gli iracheni sono andati alle urne per votare, ma questa elezione è stata parlamentare e non un voto per il primo ministro. I candidati rappresentavano le loro province; c‘è invece bisogno di comprendere l’opinione degli iracheni perché il referendum è per gli iracheni di tutto l’Iraq”.

Secondo i risultati ufficiali delle legislative, il blocco dell’ex premier Iyad Allawi, sciita laico, ha ottenuto 91 voti su 325 e per formare un governo avrà bisogno dell’appoggio della corrente sciita di cui fa parte il movimento di al Sadr. Secondo gli osservatori, il referendum punta soprattutto a escludere dalla corsa il premier uscente Nouri al Maliki – che di seggi ne ha ottenuti 89, facendolo emergere come premier non gradito all’elettorato sciita. Si vota oggi e domani con cinque candidati, tra cui Allawi e al Maliki.