ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Primo giorno da vincitore delle complesse elezioni irachene, per l'ex premier Allawi

Lettura in corso:

Primo giorno da vincitore delle complesse elezioni irachene, per l'ex premier Allawi

Primo giorno da vincitore delle complesse elezioni irachene, per l'ex premier Allawi
Dimensioni di testo Aa Aa

La coalizione inter-religiosa di Allawi, Iraqiya, ha ottenuto 91 seggi, contro gli 89 del suo principale rivale, il primo ministro uscente al-Maliki.

“La nostra coalizione – ha detto sabato Allawi nel suo primo discorso – è aperta a tutte le parti politiche, incluso al-Maliki, inclusa la terza coalizione, ovvero Alleanza Nazionale Irachena, e inclusi i kurdi. L’Iraq non è di proprietà di una persona o di una fazione religiosa. L’iraq appartiene a tutti gli iracheni”.

Il voto del 7 marzo ha richiesto quasi tre settimane di spoglio. La coalizione sconfitta ha chiesto il riconteggio, sospettando brogli. Ecco il sentimento di alcuni cittadini di Baghdad: “I risultati non mi piacciono – dice un sostenitore di al-Maliki – non siamo soddisfatti, molti voti sono stati scorretti. Chiediamo il riconteggio”.
“Spero che i vari partiti si mettano d’accordo per formare un nuovo governo il prima possibile – dice quest’altro cittadino – Dio voglia che Allawi sia in grado di garantire sicurezza e lavoro”.

Dopo le scorse elezioni, nel 2005, ci vollero cinque mesi per formare un governo. Ulteriore incertezza sarebbe ora una micidiale benzina per il fuoco della violenza religiosa, che serpeggia lungo tutto il paese.