ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Sì" del Parlamento di Lisbona al piano di risanamento

Lettura in corso:

"Sì" del Parlamento di Lisbona al piano di risanamento

"Sì" del Parlamento di Lisbona al piano di risanamento
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Portogallo va avanti con il suo piano di austerià, per cercare di convincere i mercati. Il Parlamento di Lisbona ha votato una risoluzione di sostegno alle misure di risanamento messe a punto dal governo. L’obiettivo è quello di riportare un deficit che ha ormai superato quota 9 percento, sotto il 3 percento del Pil entro il 2013. “Sulla base di questi programmi – dice il ministro delle Finanze portoghese Teixeira Dos Santos – riusciremo non solo a correggere quello che dobbiamo correggere nelle nostre finanze pubbliche, ma anche ad adottare misure che saranno decisive per rafforzare la nostra competitività e le esportazioni per l’economia portoghese”.

Il governo socialista di José Socrates vuole mostrare ai mercati finanziari di essere in grado di rispettare gli impegni presi per risanare i conti pubblici. Il presidente della banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet ha accolto con favore il piano di Lisbona. “Credo – ha detto -che il Portogallo abbia presto delle misure importanti, come il congelamento dei salari nel settore pubblico”.

Secondo il presidente europeo Herman Van Rompuy, la situazione portoghese non è paragonabile a quella greca. Ma Lisbona deve comunque scrollarsi di dosso l’ombra dell’agenzia Fitch, che mercoledì ne ha declassato il rating.