ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia al voto, "Tanti insulti, poca politica" secondo Ilvo Diamanti

Lettura in corso:

Italia al voto, "Tanti insulti, poca politica" secondo Ilvo Diamanti

Italia al voto, "Tanti insulti, poca politica" secondo Ilvo Diamanti
Dimensioni di testo Aa Aa

Sempre sulla scena, soprattutto quando si sta per votare. Il premier, Silvio Berlusconi, si è speso moltissimo in prima persona in queste elezioni regionali, che ancora una volta ha trasformato in plebiscito. Il suo obiettivo: evitare l’astensionismo degli elettori del suo partito, il Popolo della Libertà.

Ilvo Diamanti, analista politico, professore di Scienza della politica all’università di Urbino: “Le preoccupazioni maggiori per Berlusconi vengono in primo luogo dai suoi elettori più tiepidi e delusi. In secondo luogo dalla Lega, che è un alleato fedele ma che potrebbe scavalcare il PdL nel Nord e trovarsi magari con due Regioni. Dall’altro lato più che dal centro-sinistra il premier sembra preoccupato dai magistrati e dai conduttori televisivi”.

Un fatto significativo di questa campagna elettorale è stato lo stop ai talk-show politici in Tv, imposto con il pretesto di rispettare la legge sulla par condicio e di non favorire alcun partito.
Di fronte a questo divieto Michele Santoro, conduttore di Anno Zero, ha organizzato una trasmissione a favore della libertà di espressione, andata in onda su diverse Tv locali e su Internet, “Raiperunanotte”, che ha avuto il 13% di share.

Ilvo Diamanti: “Questo è un Paese nel quale ormai i partiti sono poco presenti nella società e molto presenti nei media. E’ per questo che il controllo dei media diventa determinante. E’ un problema di libertà? Sì, ma è anche un problema di politica, di ruolo della politica e dei partiti”.

Da tempo il dibattito politico in Italia è sempre più retorico, ridotto a slogan. Il linguaggio è aggressivo e carico di insulti.

Diamanti: “Questa spirale – ed è una spirale quasi di violenza per fortuna soprattutto verbale ma talora non solo – serve anche a mettere in luce differenze, che non sono più così palesi come un tempo. La politica che diventa marketing, quando il marketing mette a confronto prodotti la cui distanza non è così evidente, allora si grida e si cerca di vendere il prodotto nel modo più esplicito, più diretto possibile”.