ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arresti in Belgio. Prosegue l'offensiva contro il PKK

Lettura in corso:

Arresti in Belgio. Prosegue l'offensiva contro il PKK

Arresti in Belgio. Prosegue l'offensiva contro il PKK
Dimensioni di testo Aa Aa

Quindici arresti in Belgio in un blitz contro un gruppo separatista curdo. A pochi giorni dalle operazioni di polizia in Italia e Francia, cresce la pressione internazionale contro il PKK, a cui l’organizzazione avrebbe fatto capo. In manette, insieme a due responsabili del partito dei lavoratori curdo, sarebbero finiti anche quattro giornalisti di un’emittente con sede nelle Fiandre, bandita in Turchia e considerata vicina proprio al PKK.

(sot25) “Conosciamo tutti le posizioni dello stato turco verso la libertà di stampa – dice un dipendente della tv -. In patria e anche all’estero”

(36) Venticinque, secondo le informazioni diffuse dalle autorità belghe, gli indirizzi coinvolti dalle perquisizioni, che sono effettuate in diverse città del paese.

(sot45) Plauso dalle autorità turche. Tra i primi a esprimere la soddisfazione di Ankara, il ministro degli esteri Ahmet Davutoglu: “Oggi – ha detto – la responsabilità di agire congiuntamente contro il terrorismo incombe su tutti i paesi. Accogliamo quindi con favore il contributo del Belgio nella lotta al terrorismo internazionale”

(06) Alla solidarietà chiama anche il PKK. Contro “l’attacco ostile” a Roj Tv, l’invito rivolto ai curdi d’Europa è a riunirsi e manifestare a Bruxelles. La scorsa settimana, presunte cellule di reclutamento del partito erano state smantellate in Italia e Francia.