ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Soldati cileni: ad Haiti per aiutare ma in ansia per il loro paese

Lettura in corso:

Soldati cileni: ad Haiti per aiutare ma in ansia per il loro paese

Soldati cileni: ad Haiti per aiutare ma in ansia per il loro paese
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono ad Haiti, per aiutare i terremotati. Ma, ora, i soldati cileni assistono impotenti alle immagini del grave sisma che ha colpito anche il loro paese. E cercano con ogni mezzo di avere notizie dei propri cari:

“La preoccupazione immediata è aiutarli a comunicare con le famiglie”, dice il comandante cileno responsabile delle truppe distaccate ad Haiti.
La priorità è data a coloro che vengono dal sud del paese.
“Vorrei essere con la mia famiglia in Cile”, aggiunge un soldato, “Ma il mio dovere è essere qui. Sono tranquillo perché so che la mia famiglia sta bene. Dobbiamo aiutare gli haitiani a uscire dal grande dolore che stanno vivendo”.

Un terremoto piú lieve di quello cileno, 7 gradi contro 8,8 della scala Richter, ma molto piú devastante con 220 mila morti e il paese distrutto. A fare la differenza, l’antisismicità degli edifici cileni.

Ad Haiti, intanto, l’urgenza del governo è decongestionare i campi in cui vive un milione di senza tetto. Prima che la stagione delle piogge li renda completamente impraticabili.