ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Aquila. La rivolta delle carriole

L'Aquila. La rivolta delle carriole
Dimensioni di testo Aa Aa

Seimila persone hanno partecipato all’Aquila alla rivolta delle carriole e le forze dell’ordine non hanno potuto impedire l’ingresso nella zona rossa. I cittadini del capoluogo abruzzese si sono autorganizzati per protestare contro la lentezza nello sgombero dei detriti, ancora ammucchiati nel centro storico, che resta chiuso, a quasi un anno dal terremoto. A scortare le carriole, due ali di folla, fra Piazza Palazzo e Piazza Duomo:

“Tutto il materiale, come il metallo, lo portiamo via, e viene però portato attraverso il Corso, come stanno facendo…tutto lo sterro verrà portato via. Siamo noi a rimettere a posto la città”.

“Queste le ho prese davanti al Comune, davanti alla Torre civica…sono i resti di un palazzo”.

Secondo la Protezione civile, all’Aquila ci sono ancora fra gli 1,5 e i 3 milioni di metri cubi di macerie da smaltire.

Fra centro, periferia e frazioni 10mila edifici sono rimasti danneggiati.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.