ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Niger ritorna alla calma dopo il golpe

Il Niger ritorna alla calma dopo il golpe
Dimensioni di testo Aa Aa

Calma apparente in Niger dopo il colpo di stato che ieri ha rovesciato il presidente Mamadou Tandja.

Marcati, scuole, banche sono stati riaperti e le strade della capitale si sono rianimate, mentre militari e jeep armate restano schierati intorno al palazzo presidenziale.

Ieri i combattimenti che hanno accompagnato il golpe sono durati circa quattro ore nel centro della capitale Nyamei. Alcuni soldati sarebbero rimasti uccisi negli scontri.

La giunta militare che ha preso il potere ha chiuso le frontiere e disciolto il governo, dichiarando tramite il proprio portavoce, di aver voluto metetre fine alla situazione di tensione politica che stava attraversando il paese.

Da mesi il Niger era in fermento per la decisione del presidente di modificare la costituzione in modo da estendere il proprio potere oltre la scadenza dei suoi due mandati.

Attualmente è custodito dai militari in una caserma non lontano dalla capitale.

Il Niger è un paese poverissimo, ma strategico, essendo uno dei maggiori produttori di uranio.

La comunità internazionale ha condannato il golpe, ma i diplomatici sperano che la situazione possa portare a nuove elezioni in tempi brevi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.