Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Cambogia, alle battute finali il processo contro un torturatore di Pol Pot

Cambogia, alle battute finali il processo contro un torturatore di Pol Pot
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

È il momento delle arringhe e della requisitoria al processo contro uno dei capi torturatori del regime cambogiano dei Khmer Rossi. Sul banco degli imputati c‘è il compagno “Deuch”, responsabile del centro di detenzione e tortura S-21 di Phnom Phen dove alla fine degli anni 70 vennero uccise 15 mila persone. Khang Khek Iew ha ammesso i fatti, ma si è difeso spiegando di aver solo eseguito ordini.

Una tesi confutata dal pubblico ministero delle Nazioni unite che ha spiegato come Khang godesse di una larga autonomia. “Duch a volte ride e a volte piange. E’ incredibile. Non posso accettare una cosa del genere”, spiega un anziano cambogiano. “Voglio vedere cosa deciderà la corte. Ho sofferto molto a causa sua”, dice un’anziana vittima del regime. Inziato a Febbraio, per la sentenza del primo e unico processo a un membro del regime di Pol Pot bisognerà aspettare l’inizio del 2010.