ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vent'anni da piazza Tian an Men

Vent'anni da piazza Tian an Men
Dimensioni di testo Aa Aa

Il ventesimo anniversario della repressione di piazza Tian an men, che ricorre il 4 giugno, passa sotto silenzio in Cina. La presenza di poliziotti e soldati, in divisa e in borghese, è l’elemento più evidente oggi nella storica piazza. Il messaggio fatto transitare dal regime è che si tratta di un giorno come tutti gli altri.

“Penso non siano in tanti a interessarsi agli eventi del 4 giugno – dice una residente -. Siamo più impegnati a cercare di avere una vita stabile e tranquilla”. Tra le misure prese dalle autorità, una sorveglianza più severa dei dissidenti, come l’avvocato dei diritti umani Li Baiguang. “Il governo – dice – è diventato più forte negli ultimi 20 anni, ma il potere dei cittadini non è cresciuto affatto. Come possiamo costruire la democrazia? Dall’interno, sostenendo lo stato di diritto, proteggendo i diritti dei cittadini e usando la legge per ammansire il governo”. In questi giorni sono stati bloccati gli accessi a diversi siti Internet e servizi di posta elettronica. Quando alcune televisioni internazionali fanno reportage sulla Cina, compare improvvisamente uno schermo nero.