ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il premio Lépine, per la migliore invenzione, va a...

Il premio Lépine, per la migliore invenzione, va a...
Dimensioni di testo Aa Aa

Questo è ‘Easymetro’, l’invenzione che ha vinto il prestigioso premio Lépine, nella sua edizione di quest’anno, la numero 108. ‘Easymetro’ è un oggetto destinato a facilitare la vita degli ipo-vedenti nella metropolitana parigina, perché fornisce indicazioni vocali su fermate e cambi per raggiungere la distinazione richiesta.

L’autrice dell’invenzione, Florence Poulet-Daumas, ha un amico cieco: “prendendo insieme la metropolitana – dice – mi sono resa conto che per chi ci vede poco è davvero difficile spostarsi con la metropolitana, e quindi abbiamo cominciato a riflettere su come realizzare un piccolo aggeggio da tenere in tasca” L’oggetto ha vinto il primo premio, ma alcuni limiti restano: il cieco, a quanto pare, avrà comunque bisogno di assistenza per digitare la fermata… Ma è stato sin da ora messo in commercio, al prezzo di circa 30 euro. In effetti, al concorso, che si svolge nell’ambito della Fiera di parigi, hanno partecipato oltre 500 invenzioni, e per tutte era richiesto che fossero commercializzabili su larga scala. E così è anche per gli oggetti che non hanno vinto, e che potranno comunque trovare il loro successo commerciale: come la batteria triangolare, o il dispenser da doccia… Molti oggetti che non avevano vinto, in passato, hanno comunque finito per dominare la nostra quotidianità. Dal prestigioso premio Lépine sono passati oggetti come la penna a sfera, il ferro da stiro, la macchina lavatrice (e i suoi antenati)… È uno dei principali crocevia della modernità.