ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Crisi, catastrofe umanitaria nei paesi in via di sviluppo

Crisi, catastrofe umanitaria nei paesi in via di sviluppo
Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi economica mondiale si è trasformata in catastrofe umanitaria per i paesi in via di sviluppo. A dirlo stavolta non sono Ong o no global, ma la Banca Mondiale e il Fondo Monetario internazionale.

Le due istituzioni finanziarie hanno lanciato l’allarme al termine di una riunione a Washington. Da un lato c‘è il problema dei fondi. Per far fronte alla crisi, il 2 aprile a Londra il G20, che raggruppa i paesi ricchi e quelli emergenti, si era impegnato a triplicare le risorse dell’Fmi portandole a 750 miliardi di dollari. Ma mancano ancora all’appello 150 miliardi. In secondo luogo, sono a rischio i cosiddetti “obiettivi del Millennio”. Nel 2000 erano stati fissati otto obiettivi per ridurre la povertà entro il 2015. Ora, fa sapere la Banca Mondiale, sarà molto difficile rispettare i tempi. La crisi infatti ha già creato oltre 50 milioni di nuovi poveri, in particolare donne e bambini.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.