ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Romania: 20 miliardi per scongiurare il tracollo

Romania: 20 miliardi per scongiurare il tracollo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Romania ottiene un prestito da 20 miliardi di euro e, almeno per ora, tira un sospiro di sollievo. Diventa così il terzo Paese dei Ventisette, dopo Ungheria e Lettonia, a ottenere un intervento esterno per cercare di evitare il tracollo. Bucarest ha incassato il “sì” di diversi istituti finanziari: l’aiuto dell’Unione europea si somma a quello di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale.

Dalla capitale rumena, Jeffrey Franks dell’FMI ha sottolineato l’importanza per alcune economie in difficoltà di ricevere il sostegno internazionale per potere sopravvivere. L’FMI è l’istituto che ha contribuito per la maggiore, con quasi tredici miliardi di euro. Il Presidente Trajan Basescu aveva incontrato i vertici dei finanziatori poco prima l’annuncio del via libera al prestito, che sarà spalmato su due anni. Un giornalista economico rumeno spiega l’instabilità che sta colpendo la Romania e i rischi che il Paese corre e sottolinea l’importanza dell’aiuto internazionale per evitare il tracollo. La Romania si è trasformata in poco tempo da Paese ideale per gli investitori stranieri in un’economia in bilico, con debiti alle stelle. Il governo si è impegnato a rispettare i rigidi criteri imposti per ottenere il prestito, a iniziare da una serie di riforme strutturali e dalla riduzione del deficit.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.