ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Israele moltiplica le forze, vicina la "fase tre"

Israele moltiplica le forze, vicina la "fase tre"
Dimensioni di testo Aa Aa

L’invio di soldati riservisti nella Striscia di Gaza è iniziato, lo hanno reso noto i media israeliani. Dopo diciassette giorni di assedio prima via aria e poi via terra, sembra vicina l’ ora dell’affondo finale per far cessare i lanci di razzi sullo stato ebraico .

Affondo che pero’ potrebbe costaro caro allo stesso Israele. Si tratta di una missione ad alto rischio, i soldati batteranno i singoli quartieri di Gaza casa per casa. I miliziani di Hamas, non staranno a guardare come testimoniano alcuni piani strategici per la controffensiva armata, ritrovati in abitazioni abbandonate . L’operazione “piombo fuso” intanto continua con attacchi via terra e bombardamenti. Avanza l’offensiva nei quartieri periferici di Gaza City e lungo il confine con l’ Egitto. A Rafah l’esercito dice di aver colpito con missili a pentrazione sotterranea almeno 200 tunnel utilizzati per il contrabbando di armi, colpiti alcuni militanti di hamas e tra i civili anche due bambini. L’attacco iniziato diciassette giorni fa ha provocato quasi novecento vittime tra i palestinesi, quasi quattromila i feriti. Restano estreme le condizioni di intervento per il personale medico visto che nella Striscia manca tutto. 11 carri 22 gaza 30 gente 47 carta rafa Tunnel 56 1.15