ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Russia, condannati skinhead per l'uccisione di venti immigrati

Russia, condannati skinhead per l'uccisione di venti immigrati
Dimensioni di testo Aa Aa

Condanne da sei a venti anni di carcere per sette skinhead russi riconosciuti responsabili di venti omicidi: vittime delle violenze, immigrati dalle ex repubbliche sovietiche del Caucaso. Unica colpa, quella di non essere slavi. Al gruppo sono stati attribuiti anche altri dodici tentati omicidi.

A capo della banda due ragazzi, minorenni all’epoca dei fatti, condannati a dieci anni di carcere. Gli omicidi, tutti compiuti nei dintorni di Mosca, risalgono al periodo compreso tra l’agosto del 2006 e l’ottobre del 2007. I sette si sono filmati mentre colpivano le loro vittime e hanno poi pubblicato i video su alcuni siti Internet. Negli ultimi anni sono stati numerosi gli episodi di violenza razzista in Russia. Nel 2008 sarebbero state 113 le persone uccise e 340 quelle ferite.