ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Ucraina commemora la grande carestia

 L'Ucraina commemora la grande carestia
Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ucraina ricorda oggi la grande carestia, che tra il 1932 e il ’33 uccise milioni di persone.

Alla commemorazione della tragedia, ancora oggi ragione di attrito tra Mosca e Kiev, ha partecipato il presidente georgiano Mikhail Saakashvili, oltre ai leader i leader di Lettonia, Lituania e Polonia.

Le celebrazioni coincidono quest’anno con il quarto anniversario della “rivoluzione arancione”. Una coincidenza che il presidente russo Viktor Iushenko ha sottolineato come densa di significato: un “simbolo” – ha detto – della continua lotta del popolo ucraino per la libertà.

Tra il ’32 e il ’33 il regime stalinista ha avviato una campagna di collettivizzazione forzata in Ucraina,
requisendo prodotti alimentari di base come farina e sementi.

Morirono tra i 4 e i 10 milioni di persone.

Da anni Kiev tenta di far riconoscere dalle Nazioni Unite la carestia come un “genocidio “ perpetrato intenzionalmente ai danni del popolo ucraino, per scoraggiarne le velleità indipendentiste. Una tesi cui Mosca si oppone fermamente.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.