ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il voto dei latinos

 Il voto dei latinos
Dimensioni di testo Aa Aa

Una potenza elettorale che vale nove milioni di voti: gli ispanici. Pur rappresentando solo il 9% dell’elettorato Usa, dal momento che si concentrano in alcuni stati chiave, assicurarsi il loro voto potrebbe essere decisivo.

Las Vegas, nel Nevada, uno degli stati in bilico, insieme a Colorado e Nuovo Messico. Qui la comunità latina rappresenta il 12% degli aventi diritto. Alle scorse elezioni il 40% aveva votato per Bush, un record per i repubblicani. Stavolta sarà difficile ripetere l’exploit.

I due candidati hanno insistentemente corteggiato i latinos, sono ricorsi a migliaia di volontari per assicurarsene il voto, come i sindacalisti degli addetti alla ristorazione del Nevada.

Barack Obama si è rivolto ai latinos direttamente in spagnolo.

Anche per la popolazione ispanica l’economia è la principale causa di preoccupazione, come conferma un ristoratore di Las Vegas. “L’economia sta uccidendo la gente: la benzina è troppo cara, e la vita costa cinque, dieci, venti volte di piu’ che in passato.”

Gli ispanici sono particolarmente interessati dalla crisi finaziaria: il 7,8% della comunità è disoccupato, e il 29% dei famigerati mutui subprime sono stati venduti a famiglie di latinos.

In questa zona abitata dalla classe media, a Laredo, in Texas, la crisi è ben presente. “I prezzi salgono e sono in tanti ad aver perso la casa dalle nostre parti, almeno il 10%, forse di piu’, dice questo proprietario. Per me le cose non è che vadano benissimo, cerco di pagare le rate, e di sopravvivere.”

Economia a parte, è l’immigrazione la questione che piu’ tocca gli ispanici. Di dodici milioni di clandestini, la metà sono messicani. Bush ne aveva proposto la regolarizzazione ma la riforma è stata bocciata due volte dall’ala piu’ oltranzista dei repubblicani al Congresso.

Alle primarie entrambi i candidati hanno parlato di rilanciare la legge ma poi la questione si è persa per strada; tutti e due restano a favore del rafforzamento della frontiera tra Usa e Messico.