ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Europa a Camp David cerca il sì statunitense al summit internazionale sulla finanza

 L'Europa a Camp David cerca il sì statunitense al summit internazionale sulla finanza
Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa si prepara a porre sul tavolo a Camp David l’idea di un summit internazionale per rifondare il sistema finanziario, di fronte alla resistenze degli Stati Uniti e del presidente Bush.

Un’idea che il presidente francese Nicolas Sarkozy ha difeso in Quebec al vertice Unione Europea-Canada e al summit della francofonia, e che ha ottenuto il sostegno del segretario generale dell’Onu.

“Vi esorto a porre fine a un capitalismo finanziario ossessionato dalla ricerca sfrenata del profitto a breve termine”, ha detto Sarkozy. “Bisogna introdurre nell’economia un’etica, dei principi di giustizia, una responsabilità morale e sociale”.

Ban Ki Moon ha proposto a Sarkozy lo svolgimento del summit del G8 al massimo all’inizio di dicembre all’Onu a New York.

Il presidente di turno dell’Unione Europea, che è accompagnato dal presidente della commissione Barroso, vuole che vi partecipino anche le economie emergenti (India, Cina, Brasile, Messico, Sudafrica) e un Paese arabo.

La Casa Bianca, d’accordo sul principio, ha fatto sapere però che l’incontro di stasera non servirà a fissare nessuna data.