Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Dall'Eurogruppo un piano d'azione concordato contro la crisi finanziaria

Dall'Eurogruppo un piano d'azione concordato contro la crisi finanziaria
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Su impulso della presidenza francese dell’Unione europea, i leader dei 15 paesi della zona euro hanno concordato un piano di azione congiunto per restituire fiducia ai mercati e sostenere il sistema bancario.

Tra le misure più significative, l’impegno a garantire i prestiti interbancari fino a fine 2009 e la facoltà di ricapitalizzare le banche in difficoltà.

“E’ un piano che copre tutti gli aspetti della crisi – sostiene Sarkozy – quello che vogliamo è restituire alle banche i mezzi per accordare dei prestiti, sostenere l’economia, permettere alle famiglie di ottenere dei mutui, ridare alle imprese gli strumenti per continuare a investire e contribuire così alla crescita economica”.

Presente al vertice anche il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso. “Sono convinto che l’Europa abbia fatto un importante passo avanti, a favore dei cittadini e delle imprese. Dobbiamo mantenere i nostri impegni. Gli stati membri dovranno utilizzare la base comune creata questa settimana per restituire la fiducia e mettere fine al pessimismo eccessivo dei mercati a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni”.

Il piano sollecita “un’ulteriore azione di coordinamento” tra i governi dei paesi europei. E precisa che gli aiuti e le garanzie non saranno un regalo alle banche. Gli Stati faranno infatti pagare gli interventi a un prezzo di mercato, per evitare distorsioni.

Ora l’iniziativa passa ai singoli governi. A partire da oggi, Francia, Italia e Germania tradurranno nelle rispettive realtà nazionali le misure concertate all’Eliseo. Mentre mercoledì sarà la volta del Consiglio a ventisette dell’Unione europea. Il tutto in attesa del verdetto dei mercati azionari.