ULTIM'ORA

Tassi giù dello 0,5% in un'azione congiunta delle principali banche centrali mondiali

Tassi giù dello 0,5% in un'azione congiunta delle principali banche centrali mondiali
Dimensioni di testo Aa Aa

Massiccio intervento delle banche centrali nell’essesima giornata di tempesta finanziaria.
Con un’azione coordinata mai avvenuta prima, i sei principali istituti hanno abbassato i tassi di interesse.

La Federal Reserve, la Banca centrale europea e la banca d’Inghilterra hanno dato una sforbiciata di mezzo punto al costo del denaro. La stessa mossa è stata adottata contemporaneamente anche dalle banche centrali di Canada, Svizzera e Svezia.

L’operazione porta i tassi di sconto all’1,5% negli Stati Uniti, al 3,75% nella zona euro, al 4,5% mezzo nel Regno Unito e al 2,5% in Canada e Svizzera.

In una nota congiunta, gli istituti centrali hanno sottolineato che l’azione coordinata è «senza precedenti». Ha fatto eccezione il Giappone: l’istituto di Tokyo ha emesso un comunicato di sostegno all’iniziativa, ma ha ricordato che il proprio tasso di sconto è già molto basso allo 0,50%. Anche la Cina ha tagliato i tassi che sono ora al 7,2%.

“Questi interventi congiunti tracciano una linea di demercazione nella storia della crisi – dice un analista – ma nessuno si azzarda a dire quando questo avverrà. Di certo si tratta di un fatto significativo perché è stato coordinato. La crisi è un problema internazionale e globale e ha bisogno di una soluzione globale”.

L’intervento ha lo scopo di tentare di ridare fiducia ai mercati finanziari, attanagliati da una crisi che non si vedeva dal 1929, e di evitare che la crescita economica mondiale ne subisca le conseguenze.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.