ULTIM'ORA

Violente proteste a Bangkok

Violente proteste a Bangkok
Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri violenti a Bangkok, tra la polizia e i manifestanti che protestano contro il governo. Una settantina di persone sono rimaste ferite davanti al Parlamento thailandese, mentre almeno una è morta, in un’esplosione, forse dovuta ad un’autobomba, poco lontano, in un altro quartiere della capitale.

A più riprese la polizia ha caricato i manifestanti e lanciato lacrimogeni. Tra i feriti alcuni sono gravi: due uomini, colpiti in pieno dai lacrimogeni, hanno perso le gambe. I circa 5000 manifestanti erano scesi in piazza per impedire che il neoeletto premier Somchai Wongsawat raggiungesse il Parlamento e vi tenesse il suo primo discorso ufficiale.

Grazie al varco aperto dalla polizia, il premier ha raggiunto l’assemblea, dove ha lanciato un appello alla riconciliazione. Ha ribadito di non volersi dimettere, come ha già fatto il vicepremier, ne’ imporre lo stato d’emergenza.

L’opposizione chiede da 4 mesi le dimissioni del premier accusato di essere un fantoccio di Thaksin Shinawatra, il suo predecessore cacciato con un colpo di stato.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.