Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Operazione-salvataggio per alcune banche europee, nazionalizzazioni per Fortis e Bradford&Bingley

 Operazione-salvataggio per alcune banche europee, nazionalizzazioni per Fortis e Bradford&Bingley
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nazionalizzazioni e asset che passano di mano. La crisi finanziaria colpisce anche le banche europee: la prima è la belgo-olandese Fortis, salvata dall’accordo tra i governi del Benelux.

Le azioni di Fortis, in calo da due settimane, hanno segnato una ripresa lunedì dopo la decisione di nazionalizzare in parte il gruppo.

Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi hanno annunciato un’operazione di salvataggio di 11,2 miliardi di euro. La banca dovrebbe cedere al gruppo olandese Ing gli asset di Abn Amro acquistati un anno fa.

“Abbiamo deciso di contribuire all’investimento di capitale”, ha detto il ministro delle finanze olandese Wouter Bos “perché in questo modo possiamo dimostrare che Fortis può superare questo periodo turbolento, che si tratta di un’istituzione finanziaria solida, e che i cittadini possono sentirsi tranquilli quando gli affidano il loro denaro”.

Il governo di Bruxelles è pronto a sostenere anche il colosso dei servizi finanziari franco-belga Dexia, in forte calo in borsa, mentre in Gran Bretagna per la Bradford and Bingley la nazionalizzazione è certa.

Il governo rileverà gli asset più a rischio, lo spagnolo banco Santander la rete di agenzie della banca e i depositi.

Operazione salvataggio anche per la tedesca Hypo Real Estate, specializzata in mutui, che ha ottenuto una linea di credito da un gruppo di banche private.

I mercati europei tuttavia non sembrano rassicurati, i principali hanno aperto in ribasso.