Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Borse in caduta nonostante l'intervento di governi e Bce a sostegno delle banche

Borse in caduta nonostante l'intervento di governi e Bce a sostegno delle banche
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le borse europee precipitano, non rassicurate dall’intervento di governi e Bce. Mentre tutte le piazze hanno chiuso in forte calo, per far fronte alla crisi la banca centrale europea ha deciso nuovamente di immettere liquidità, con un prestito di 120 miliardi di euro alle banche attraverso un’asta di 38 giorni.

Aste speciali che la Bce rinnoverà almeno fino a fine anno. Le borse sono preoccupate per la sorte della banca franco-belga Dexia.

Dopo le operazioni-salvataggio, compiute da alcuni governi, potrebbe essere proprio questo istituto ad essere soccorso. Dexia ha toccato in borsa il livello più basso dalla sua creazione. Il governo belga ha tentato di tranquillizzare il mercato affermando di essere pronto a intervenire.

La prima vittima delle ripercussioni della crisi dei mutui subprime statunitense in Europa è stata Fortis. La decisione di nazionalizzarla, annunciata dai governi di Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, ha raccolto l’approvazione della Commissione europea.
I tre Paesi investiranno 11,2 miliardi di euro.

Salvataggio anche in Gran Bretagna, il secondo dopo quello della Northern Rock. Questa volta si tratta di Bradford&Bingley. Il governo rileverà gli asset più a rischio, lo spagnolo banco Santander, invece, la rete di agenzie della banca e i depositi.

Diversa la soluzione per la tedesca Hypo Real Estate, specializzata in mutui, che ha ottenuto una linea di credito da un gruppo di banche private.