ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Livni già al lavoreo per formare governo

Livni già al lavoreo per formare governo
Dimensioni di testo Aa Aa

Avrà pure vinto le primarie di Kadima, ma ora, per Tzipi Livni, arriva la sfida più difficile: formare un governo per Israele. L’elezione alla testa del partito del premier dimissionario Olmert, per l’attuale ministro degli Esteri è stato solo il primo passo. E Livni si è già messa al lavoro. A iniziare da un colloquio con il leader del partito ultraortodosso Shas, da cui potrebbe dipendere il suo successo. Eli Yshai ha detto che il benessere di Israele è al primo posto e che esaminerà le intenzioni di Kadima. Ma l’incognita c‘è. Yshai non è infatti disposto a negoziare su Gerusalemme Est, nodo cruciale di quei negoziati israelo-palestinesi sui quali Livni si è impegnata a lavorare.

Una prima sorpresa sulla scena politica intanto è arrivata da Shaul Mofaz, il candidato che per poco non le ha strappato la vittoria. Il ministro dei Trasporti ha infatto annunciato una pausa politica, pur garantendo il sostegno al partito. Livni deve ora attendere che Olmert formalizzi le dimissioni. Solo allora il presidente Shimon Peres potrà conferirle l’incarico. Avrà poi a disposizione 42 giorni per formare il governo. Se dovesse fallire significherà elezioni anticipate. Su cui preme la destra di Benyamin Netanyahu, dato per favorito dai sondaggi con il suo Likud.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.