Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Georgia, lento ritorno alla normalità dopo il ritiro dei russi da Poti

Georgia, lento ritorno alla normalità dopo il ritiro dei russi da Poti
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

All’indomani del ritiro delle forze russe dagli avamposti occupati nella Georgia occidentale, la polizia georgiana ha dato inizio alle operazioni di bonifica. Squadre di artificieri hanno setacciato i campi e le strade vicino alla città portuale di Poti, per rimuovere eventuali mine nascoste nel terreno.

La partenza dei militari di Mosca dai cinque checkpoint sull’asse Poti-Senaki si è svolta senza incidenti, ad eccezione della controversa uccisione di un poliziotto georgiano alla periferia dell’Abkhazia, una delle due province separatiste, insieme all’Ossezia del Sud, di cui la Russia ha riconosciuto l’indipendenza.

A Poti, è un lento ritorno alla normalità quello che vive la popolazione locale, in attesa dell’arrivo, all’inizio di ottobre, dei duecento osservatori civili promessi dall’Unione europea. Entro il 10 di ottobre, Mosca si è impegnata a completare il ritiro da tutto il territorio georgiano, ad eccezione delle due province separatiste.