ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'UE rivuole indietro le somme per gli aiuti ai cantieri navali polacchi, i lavoratori protestano

L'UE rivuole indietro le somme per gli aiuti ai cantieri navali polacchi, i lavoratori protestano
Dimensioni di testo Aa Aa

I lavoratori dei cantieri navali polacchi manifestano a Bruxelles. Protestano contro l’Unione Europea che intende chiedere a Varsavia la restituzione degli aiuti concessi ai cantieri in difficoltà. Le somme erano subordinate a un piano di ristrutturazione che non sarebbe stato messo in pratica compiutamente. Il commissario europeo alla concorrenza, Neelie Kroes, ha ribadito la posizione di Bruxelles, ricevendo i rappresentanti sindacali dei cantieri di Danzica, Gdynia e Stettino, che rischiano la bancarotta, se l’Unione rivorrà indietro la somma di 1,3 miliardi di euro. L’incontro è avvenuto alla vigilia della presentazione alla Commissione Europea, da parte della Polonia, di un piano dettagliato sulle ristrutturazioni. I lavoratori, che hanno manifestato con bandiere di Solidarnosc, chiedono che Bruxelles conceda più tempo a Varsavia. In gioco ci sono 15 mila posti di lavoro.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.