ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tony Blair verso la presidenza della nuova Europa

 Tony Blair verso la presidenza della nuova Europa
Dimensioni di testo Aa Aa

E’ a Parigi, davanti alla platea dei conservatori dell’Ump, che l’ex premier britannico Tony Blair ha pronunciato, in francese, il discorso che lo lancia verso la presidenza del nuovo Consiglio europeo; l’organo che scaturirà dal nuovo trattato fortemente voluto dal presidente francese Nicolas Sarkozy.

“Se fossi negli Stati Uniti – ha detto – sarei democratico, in Gran Bretagna sono laburista. In Francia, sarei… probabilmente al governo. No, no, sto scherzando, resto nella mia famiglia politica. In Francia sarei nel partito socialista, ma a fianco di coloro che hanno a cuore la sua trasformazione”.

Sarkozy, che sostiene la candidatura europea di Blair, ha volentieri accettato la provocazione umoristica dell’ex premier. “Certo che è socialista – ha affermato -. Ma un socialista così ha tutto il posto che vuole nel governo francese. Tony Blair è uno dei Grandi d’Europa. Ha giocato un ruolo cruciale nell’adozione del trattato semplificato. E voglio dire a Tony: sono convinto che abbiamo bisogno del Regno Unito in Europa; che noi abbiamo bisogno di voi, che il vostro posto è nell’Unione europea”.

La carica di presidente del Consiglio europeo riformato dovrebbe essere assegnata proprio quando la Francia avrà la presidenza di turno, l’ultima del vecchio ordinamento, dell’Unione europea.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.