ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, le elezioni si giocano sull'economia

 Spagna, le elezioni si giocano sull'economia
Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà l’economia il terreno di scontro della campagna elettorale spagnola. Almeno a giudicare dai primi discorsi pronunciati dai leader dei principali schieramenti. Il capo del governo Josè Zapatero punta sui risultati ottenuti dalla politica del suo esecutivo negli ultimi 4 anni.

“L’economia funziona – ha detto -. Abbiamo gestito bene la finanza pubblica. Chiuderemo i conti del 2007 con una crescita superiore al 2 per cento del prodotto interno lordo”.
Il guanto della sfida viene prontamente raccolto dal capo dell’opposizione, Mariano Rajoy. La destra spagnola ha messo a punto un pacchetto di iniziative che si impegna a prendere se avrà l’opportunità di tornare al potere nella consultazione politica del 9 marzo prossimo. Cardine delle proposte del Partito popolare, tagli alle tasse per cittadini e imprese.
“Adotteremo – ha detto Rajoy – una riduzione addizionale delle imposte sul reddito che arriverà fino a mille euro all’anno e che riguarderà più di 3 milioni di donne lavoratrici”.
E sulla scena politica entra un nuovo partito: progressista ma contrario alle dinamiche indipendentiste, l’“Unione, progresso e democrazia” ha tra i suoi leader l’ex deputata socialista basca Rosa Diez e il filosofo Fernando Savater.