ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Baghdad chiede ad Ankara di non lanciare un' offensiva contro il Pkk nel nord dell'Iraq

Lettura in corso:

Baghdad chiede ad Ankara di non lanciare un' offensiva contro il Pkk nel nord dell'Iraq

Baghdad chiede ad Ankara di non lanciare un' offensiva contro il Pkk nel nord dell'Iraq
Dimensioni di testo Aa Aa

La diplomazia irachena gioca le sue ultime carte: il vice presidente Tareq Al Hashemi ad Ankara tenta di dissuadere il governo turco dal lanciare un’offensiva militare contro i separatisti curdi nel nord dell’Iraq. “La Turchia è in una situazione difficile – ha detto conciliante al Hashemi – Comprendiamo la rabbia del popolo turco, e la preoccupazione del governo turco di fronte alle attività terroristiche oltre confine”.

Secondo Ankara, 3500 separatisti del PKK si nascondono nelle montagne irachene, a ridosso del confine. Il premier Erdogan ha chiesto al parlamento di approvare un’offensiva in territorio iracheno. “Spero che questa mozione non sia mai applicata – ha assicurato tuttavia – La sua approvazione non implica incursioni militari immediate”.

Viste le violenze degli ultimi mesi, per Erdogan si tratta di autodifesa. Per Baghdad e Washington invece si rischia di aprire un nuovo fronte di guerra in Iraq. Domani il parlamento voterà, ma i soldati pattugliano già la zona.