ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Portogallo, si chiude questo venerdì la campagna per il referendum sull'aborto

Portogallo, si chiude questo venerdì la campagna per il referendum sull'aborto
Dimensioni di testo Aa Aa

Ultimi appelli in Portogallo a due giorni dal referendum sulla depenalizzazione dell’aborto. Gli ultimi sondaggi danno il sì in calo al 54%. Per i sostenitori del diritto all’interruzione di gravidanza un altro scoglio da superare è quello della partecipazione che se dovesse risultare inferiore al 50% renderebbe la consultazione non valida.

Per invitare i portoghesi ad andare alle urne è sceso in campo il premier Jose Socrates favorevole alla depenalizzazione. “Fino alla fine della campagna referendaria continueremo a fare appello ai cittadini affinche vadano a votare”, ha detto il capo del governo.

Il Portogallo è uno dei pochi paesi d’Europa dove l’aborto è autorizzato solo in casi eccezionali. A surriscaldare il confronto è la forte campagna dei contrari, gruppi cattolici in testa, che puntano sulla possibilità di far fallire il referendum, come già avvenuto nel 1998, quando l’astensione fu del 68%. “L’aborto provoca traumi profondi e depressioni – afferma una sostenitrice del No – per questo dobbiamo aiutare le donne a compiere un’altra scelta fornendo il sostegno psicologico di cui hanno bisogno”.

Un concerto per il no è stato organizzato ieri sera a Lisbona. Oggi si può abortire solo se si è state vittima di violenza o se la madre è in pericolo di vita. Secondo uno studio pubblicato da un’associazione per la pianificazione familiare nel 2005 in Portogallo sono stati effettuati 18 mila aborti clandestini.