ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ossezia del Sud vota il distacco dalla Georgia

Lettura in corso:

L'Ossezia del Sud vota il distacco dalla Georgia

L'Ossezia del Sud vota il distacco dalla Georgia
Dimensioni di testo Aa Aa

Alta partecipazione alle urne in Ossezia del Sud alle elezioni presidenziali e al referendum sull’indipendenza della regione dalla Georgia. Ai seggi si è recato anche Eduard Kokoity, presidente in carica e favorito per la rielezione. Sono 55 mila gli aventi diritto al voto su una popolazione di 70 mila persone. L’Ossezia del Sud si è già autoproclamata repubblica indipendente dalla Georgia con un referendum nel 1992, dopo due anni di guerra civile. Ma l’esito della consultazione non è stato riconosciuto a livello internazionale.

Ufficialmente neppure dalla Russia, che pure ha sostenuto le rivendicazioni separatiste dell’Ossezia del Sud. Il governo di Tiblisi invece guarda con sospetto alla consultazione e non ha alcuna intenzione di accettere le spinte secessioniste della regione.

“Spero che questo referendum non passi – afferma questo osseto emigrato in Georgia – perchè solo se fallisce potró rientrare in quella che è la mia patria”. Una posizione che non sembra rispecchiare quella della maggioranza della popolazione dell’Ossezia del Sud, favorevole al distacco dalla Georgia.

“Come prima cosa vogliamo l’indipendenza – afferma questa commerciante – poi entrare a far parte della Russia. Non vogliamo saperne della Georgia, un paese che ha provocato molte vittime tra gli osseti”. Le frontiere tra l’Ossezia del Sud e la Georgia sono presidiate da un contingente russo. Tiblisi ne chiede l’allontanamento e la smilitarizzazione dell’intera zona.