ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Damasco sul caso Hariri accetta di collaborare

Damasco sul caso Hariri accetta di collaborare
Dimensioni di testo Aa Aa

La Siria ha deciso di inviare a Vienna per interrogatori, 5 responsabili dei servizi di sicurezza nell’ambito delle indagini per l’assassinio dell’ex premier libanese Rafik Hariri. Respinta la partenza di un sesto dirigente, sul quale resta puntato lo sguardo internazionale: il cognato del presidente Bashar Al Assad.

La mossa della Siria è arrivata quasi allo scadere dell’ultimatum lanciato dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu il 31 ottobre. Damasco era a rischio sanzioni economiche a meno di un atteggiamento più collaborativo. Hariri è stato ucciso il 14 febbraio a Beirut sollevando un’ondata di proteste che ha cambiato lo scenario politico del paese e portato alla partenza delle truppe siriane dal Libano. La data degli interrogatori verrà decisa con il capo investigatore dell’Onu, i giudice tedesco Detlev Mehlis. Il rapporto definitivo, con eventuali indicazioni di reati, è atteso per il 15 dicembre.