Fukushima, 11 anni dopo: come viene trattata l'acqua contaminata?

Di Laurence Alexandrowicz
Fukushima, 11 anni dopo: come viene trattata l'acqua contaminata?
Diritti d'autore  euronews

A 11 anni dal disastro nucleare di Fukushima, i residenti locali si stanno preparando a una nuova fase. Le autorità stanno affrontando una questione complessa: lo scarico in mare delle acque trattate, previsto per la prossima primavera.

L'acqua è diventata radioattiva quando è entrata in contatto con il combustibile. Attualmente viene filtrata in un impianto nella centrale elettrica e immagazzinata in serbatoi, che raggiungeranno la loro capacità massima nel 2023. L'acqua viene decontaminata e rimane solo il trizio, che è inseparabile dall'acqua. "L'acqua trattata è diluita con l'acqua di mare - dice Kimoto Takahiro, vice sovrintendente del sito -. Una volta diluita, sarà scaricata in mare a un chilometro di distanza attraverso un tunnel".

Il trizio è un elemento radioattivo non pericoloso. "Le caratteristiche del trizio che verrà rilasciato a Fukushima sono simili a quelle del trizio rilasciato da tutte le centrali nucleari del mondo", dice Jean Christophe Gariel, vicedirettore dell'Istituto di radioprotezione e sicurezza nucleare.

Questa informazione non è sfuggita ai pescatori di Fukushima, preoccupati per la qualità dell'acqua del mare. "Le possibilità che ci siano impatti sulla salute sono minimi, ma la grande paura è la cattiva pubblicità - dice Nozaki Tetsu, presidente della Federazione delle cooperative della pesca della Prefettura di Fukushima -. Abbiamo avuto spiegazioni dal governo per più di 10 anni e non abbiamo riscontrato alcun errore, quindi apprezziamo i loro chiarimenti".

La reputazione dei prodotti di Fukushima preoccupa i pescatori e gli abitanti della prefettura. Tatsuya Watanabe è un ristoratore locale: cucina i prodotti di Fukushima senza timori. Assieme ad altri chef ed agricoltori del posto è coinvolto attivamente nel rilancio dell'economia della regione.

"Sono state dette molte falsità, fin dall'inizio - dice Watanabe -. Amici di amici dicevano che c'erano pesci deformi. Io gli ho detto che non era vero. Ho fatto fare alcuni test e gradualmente ho iniziato a servire più prodotti locali. Se ad aprile ci saranno scarichi di acqua trattata, continuerò a usare il pesce di Iwaki".

Il Giappone ha imposto standard ancora più severi dell'Oms: tutti i prodotti sono sottoposti a controlli rigidi.