L'euro 20 anni dopo: tutte le sfide della moneta unica, dalla crisi finanziaria alla pandemia

Di Naomi Lloyd  & Euronews
L'euro 20 anni dopo: tutte le sfide della moneta unica, dalla crisi finanziaria alla pandemia
Diritti d'autore  euronews

È stato 20 anni fa che le monete e le banconote in euro sono apparse per la prima volta in tutto il continente. Due decenni dopo, cosa ha significato la moneta unica per le nostre economie?

È stato alla Zecca di Parigi, la storica Monnaie de Paris che risale al IX secolo, che le prime monete in euro sono state emesse in Francia nel 2002. L'euro esisteva già da 3 anni, ma solo in forma elettronica. Fu l'inizio di una nuova era.

L'euro, in breve

Il 1° gennaio 2002, le monete e le banconote in euro furono introdotte per la prima volta in 12 Paesi europei, sostituendo le valute locali.
20 anni dopo, 19 Paesi e più di 340 milioni di europei usano l'euro.

L'obiettivo dell'euro era quello di rendere la vita più semplice, usando la stessa valuta per il lavoro e gli affari in tutta l'area euro e per viaggiare e vivere all'estero. Ora, è la seconda valuta più importante del mondo dopo il dollaro statunitense.

60 Paesi e territori al di fuori dell'UE la usano o collegano la loro valuta ad essa. Nei prossimi anni, altri tre Paesi europei adotteranno l'euro.

L'esperienza irlandese

In Irlanda, le sterline irlandesi sono state scambiate con monete e banconote in euro. Da allora, il tasso di crescita del Paese è stato uno dei più forti in Europa.

Per Oana Peia, economista dell'University College di Dublino, la moneta unica ha giocato un ruolo chiave in questa storia di successo. L'abbiamo incontrata al caffè One Society di Dublino.

"L'adozione dell'euro è stata importante per consolidare il posto dell'Irlanda nel mercato unico, ha attirato molti investimenti esteri diretti, che ora rappresentano il 20% dell'occupazione, e ha aumentato il commercio intra-UE, che ora rappresenta il 40% delle esportazioni irlandesi", dice Peia.

Ma, per l'economista, l'esempio irlandese è anche un monito: l'appartenenza all'area dell'euro ha certamente favorito un accesso al credito meno oneroso, ma la carente regolamentazione del mercato ha portato alla crisi finanziaria del 2008.

"Il recupero da questa crisi è stato doloroso - commenta Peia - da allora, la ripresa dell'Irlanda è stata altrettanto impressionante, con l'economia che è cresciuta ad una media del 5% dal 2012 a poco prima della pandemia".

Un ambiente commerciale stabile

L'economia irlandese è cresciuta nei settori tecnologici, come quello farmaceutico e medico che rappresentano il 38% delle esportazioni irlandesi.

La nostra moneta, la sterlina, sarebbe stata una piccola moneta in Europa e, ovviamente, i capricci e i tassi di cambio avrebbero avuto un grande impatto sugli affari in Irlanda. L'euro ha sistemato tutto questo
John Power
CEO, Aerogen

Aerogen, fondata 20 anni fa vicino a Galway, è leader nella somministrazione di farmaci in aerosol ad alte prestazioni.

Per l'amministratore delegato, John Power, l'adozione dell'euro è stato un beneficio positivo. Oggi, l'azienda impiega 400 persone e i suoi prodotti, utilizzati nelle unità di terapia intensiva, sono esportati in più di 75 paesi.

"Il nostro mercato interno è abbastanza piccolo - dice Power - il mercato europeo è perciò ovviamente molto attraente per noi e per gli Stati Uniti. Mentre 5 anni fa, circa il 30% del nostro business sarebbe stato scambiato in euro e il 70% in dollari, ora negli ultimi 2 anni si è spostato più su un 50-50".

Adattarsi alla Brexit

Aerogen, i cui mercati sono internazionali, non ha subito gli effetti della Brexit. Non è la stessa stessa storia per settori come l'agricoltura, pesantemente dipendenti dal mercato britannico.

Per Peia, le imprese irlandesi dovranno adattarsi alla nuova situazione: "Nonostante la Brexit abbia causato una grande perturbazione sull'economia irlandese, ha anche creato molte opportunità. Penso che ci sia ancora molto spazio per aumentare il commercio con l'Unione Europea", sostiene Oana Peia.

Secondo l'Eurobarometro, l'Irlanda è il Paese con il secondo più alto livello di fiducia nell'Europa, segno che gli irlandesi continuano a credere nell'Unione e nella sua moneta unica.

Test di resilienza

20 anni fa la gente usava piccole macchine di conversione per abituarsi alla nuova moneta.
Guardando al futuro, l'idea di un euro digitale è ora in discussione.

Paschal Donohoe è il presidente dell'Eurogruppo, il forum in cui si incontrano i ministri delle finanze dei Paesi della zona euro. Crede che l'euro abbia dimostrato la sua resilienza di fronte alle sfide a cui ha fatto fronte prima della crisi finanziaria e, attualmente in periodo di pandemia.

Se si guarda ora alla prontezza con cui la zona euro si è ripresa dalla crisi Covid, la velocità di recupero è di circa quattro volte superiore rispetto a quella che è stata necessaria per risollevarsi dalla crisi finanziaria globale
Paschal Donohoe
presidente Eurogruppo

Sia per i consumatori che per i governi, l'euro ha eliminato diverse complicazioni.

"Penso che siano i benefici pratici quotidiani ad essere forse i più tangibili - aggiunge Donohoe - una maggiore comodità, anche in relazione al cambio di valuta, è il primo punto a favore. Ed è facile dimenticare ora, ma per una buona parte della storia pre-euro dell'Unione europea, una significativa volatilità dei tassi di cambio è stata una prova che i governi precedenti e le imprese del periodo hanno dovuto affrontare".

E adesso?

Il prossimo passo potrebbe essere un euro digitale

"Così la BCE, la Banca centrale europea sta andando avanti con quello che descriverei come un lavoro di progettazione esplorativa - dice Donohoe - la mia sensazione è che se fossimo stati seduti qui tra 20 anni, avremmo parlato di euro digitale".

Secondo Donohoe, l'obiettivo ora dovrebbe essere quello di garantire che i benefici economici dell'euro abbiano un impatto sociale positivo.

"Una sfida per l'area euro, davvero importante per la moneta unica, è come possiamo sostenere una ripresa che sia più equa ed inclusiva. Una ripartenza che, ad esempio, benefici i giovani e che faccia di più per garantire modelli di inclusione per quanto riguarda il lavoro femminile e la nuova occupazione. L'euro deve dientare il simbolo a lungo termine di un'Europa che conta, che è resistente, che migliora rispetto alla sua storia e che sta sempre tracciando un futuro migliore.