Balcani occidentali, Bruxelles prevede l'impiego di personale Frontex per frenare l'immigrazione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Darko Vojinovic/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Il personale dell'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea, nota come Frontex, potrebbe presto essere schierato alle frontiere extra-Unione nei Balcani occidentali.

Il tutto avverrebbe come parte di un piano per frenare gli arrivi irregolari nella zona, secondo quanto annunciato dalla Commissione europea.

"Il numero che abbiamo in questo momento nei Balcani occidentali è di circa 500 persone di Frontex già schierate, ma oggi sono dispiegate solo al confine tra i Paesi partner dei Balcani occidentali e le frontiere esterne dell'Unione europea", ha detto ai giornalisti la commissaria per gli Affari interni, Ylva Johansson.

"Con un nuovo mandato, sarà possibile dispiegarsi anche internamente, per così dire, tra due diversi partner dei Balcani occidentali", ha affermato, aggiungendo che spetta a Frontex decidere i numeri necessari.

Questa misura fa parte del piano d'azione sui Balcani occidentali proposto dalla Commissione europea per affrontare l'aumento dei migranti che entrano nell'Unione europea proprio attraverso i Balcani occidentali.

Darko Vojinovic/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
AP PhotoDarko Vojinovic/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Secondo i dati di Frontex, nei primi 10 mesi dell'anno sono stati registrati più di 128.000 passaggi illegali delle frontiere verso l'Unione attraverso i Balcani occidentali.

Ciò rappresenta un aumento del 168% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Rischio nuove rotte

Un altro pilastro del piano della Commissione, presentato il giorno prima del vertice Ue-Balcani occidentali in Albania, è un migliore allineamento dei visti tra le Nazioni interessate occidentali e l'Ue, per garantire che i cittadini stranieri che si recano nei Balcani occidentali senza visto non entrino nell'Unione.

La maggior parte dei Paesi dei Balcani occidentali ha accordi di esenzione dal visto con l'Ue: Johansson ha affermato che la Serbia è il principale porto di ingresso nell'Unione europea per queste persone.

La Serbia ha accordi senza visto con Armenia, Azerbaigian, Bahrain, Bielorussia, Bolivia, Cina, Cuba, Guinea Bissau, India, Indonesia, Giamaica, Kirghizistan, Kuwait, Kazakistan, Mongolia, Oman, Qatar, Russia, Suriname e Turchia.

Di recente, ha posto fine ai viaggi senza visto con Tunisia e Burundi, promettendo di "fare lo stesso quando si tratta dell'India ed allinearsi ulteriormente con altri Paesi terzi", ha affermato la commissaria.

"Ma tutti i partner dei Balcani occidentali presentano lacune significative quando si tratta di allineare la politica dei visti con quella dell'Unione europea, ed è per questo che devono essere affrontate in tutti i Paesi dei Balcani occidentali", ha aggiunto.

Ha anche detto ai giornalisti che "con un allineamento più forte in Serbia, potrebbe anche esserci il rischio che nuove rotte utilizzino regimi senza visti in altri Paesi dei Balcani occidentali".

Vertici chiave

L'allineamento dei visti dovrebbe essere discusso dai leader al vertice Ue-Balcani occidentali a Tirana, martedì.

All'ordine del giorno ci sarà anche l'allineamento con la politica estera e di sicurezza dell'Ue, compresi i regimi sanzionatori, prerequisito per l'adesione al blocco.

Qui, ancora una volta, la Serbia è in controtendenza, finora essendosi rifiutata di imporre misure restrittive alla Russia per la sua guerra in Ucraina.

Il presidente serbo, Aleksander Vučić, ha minacciato di boicottare il vertice, che si tiene per la prima volta in un Paese dei Balcani occidentali, per una disputa con il Kosovo.

Il vertice si tiene pochi giorni prima delle riunioni dei ministri e dei leader degli Affari interni dell'Ue a Bruxelles, dove si discuterà dello status di candidata per la Bosnia-Erzegovina e della liberalizzazione dei visti per il Kosovo.