Ursula von der Leyen a Skopje: firmato l'accordo tra Frontex e Macedonia del Nord

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - Ansa
Firma storia a Skopje. (26.10.2022)
Firma storia a Skopje. (26.10.2022)   -   Diritti d'autore  Ursula von der Leyen/Twitter

Promessa mantenuta (con firma storica) dell'Unione europea alla Macedonia del Nord.

Il governo della Macedonia del Nord e l'Unione europea - alla presenza della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, della Commissaria agli Affari Interni Ylva Johannson e del premier macedone Dimitar Kovacevski - hanno firmato un accordo di cooperazione per la sorveglianza delle frontiere nell'ambito di Frontex (l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera).

Sito ufficiale Frontex

Per la presidente della Commissione europea, gli sforzi della Macedonia del Nord per avvicinarsi alla "famiglia" dell'Ue stanno dando i loro frutti. 

Ursula von der Leyen ha incontrato anche il presidente della Macedonia del Nord, Stevo Pendarovski

"Abbiamo mantenuto la promessa"

"Ricordo vividamente l'ultima volta che ci incontrammo qui. Feci la promessa che avremmo lavorato intensamente sull'accordo di Frontex e che sarebbe stato tradotto in macedone. Niente note a piè di pagina, niente asterischi: il tutto su un piano di parità con le altre 24 lingue dell'Unione europea. Oggi sono molto felice e orgogliosa di aver mantenuto la nostra promessa", ha dichiarato Ursula von der Leyen.

"Voglio essere molto chiara: questo è un simbolo, è un messaggio, vi state avvicinando all'Ue mantenendo l'ordine al confine.
Sappiamo che per voi la lingua macedone è fondamentale.
Abbiamo 24 lingue nell'Ue, e spero che presto ne avremo 25, accogliendo la Macedonia del Nord nella nostra Unione".
Ursula von der Leyen
63 anni, tedesca, Presidente della Commissione europea dal 2019

Nel suo tour di quattro giorni, Ursula von der Leyen spera di rafforzare la cooperazione di Frontex con i Balcani occidentali, per migliorare la sicurezza alle frontiere esterne dell'Ue.

Frontex conduce già operazioni congiunte con l'Albania, il Montenegro e la Serbia, Paesi che si trovano sulla rotta dell'immigrazione irregolare nei Balcani. 

80 milioni di euro per l'energia della Macedonia del Nord

Sulla crisi energetica, la presidente della Commissione europea von der Leyen ha aggiunto:
"L'Ue risponde alla crisi energetica con unità e solidarietà. Significa unità e solidarietà anche con la Macedonia del Nord. Stiamo fornendo a Skopje 80 milioni di euro di sostegno al budget immediato e anche investimenti a lungo termine nel suo sistema energetico".