Consiglio europeo sull'energia, approvato un pacchetto di misure d'emergenza

Access to the comments Commenti
Di Euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Virginia Mayo/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

I ministri europei dell'Energia hanno approvato un primo pacchetto di misure di emergenza per contrastare gli assai elevati prezzi nel settore.

L'obiettivo è quello di ridurre il consumo di elettricità nelle ore di punta e di reindirizzare verso i cittadini i ricavi extra che le centrali elettriche hanno ottenuto con le esorbitanti tariffe in vigore.

Le misure comprendono: un tetto massimo ai ricavi extra di mercato fissato a 180€/mWh per il nucleare o le rinnovabili, una tassa del 33% per i produttori di combustibili fossili e una riduzione obbligatoria del 5% della domanda di elettricità.

Ovviamente, sono necessarie altre misure per controllare i prezzi del gas e c'è ancora grande battaglia su come attuarle.

"Intervenire senza causare danni altrove non è un compito facile e richiede un certo tempo", dice Jozef SÍKELA, ministro dell'Industria ceco.

Almeno 15 Paesi, tra cui Italia, Francia e Spagna, hanno difeso l'idea di introdurre un prezzo massimo per tutte le importazioni di gas.

E sono arrabbiati con Paesi come la Germania, che si oppongono sostenendo che ciò potrebbe provocare un'interruzione delle forniture.

"Mettere un tetto fisso al prezzo del gas - dice Robert HABECK, ministro tedesco dell'Economia e del Clima - può essere applicato solo se si dice cosa succederebbe se non arrivasse abbastanza gas in Europa, perché questa è la mia contro-domanda.

E l'unica risposta che sento sempre è che la carenza di gas sarà condivisa in tutta Europa, ma non credo che sia politicamente sostenibile: porterebbe l'Europa ai suoi limiti, probabilmente alla sua fine".

Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoGeert Vanden Wijngaert/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

" È importante reagire - dice TERESA RIBERA, ministro spagnolo per la Transizione ecologica - per evitare di rimanere intrappolati in quel circolo vizioso in cui, siccome non agiamo, c'è chi ritiene di poter continuare a vendere a qualsiasi prezzo perché anche noi siamo disposti a comprare a qualsiasi prezzo.

E questo finisce per generare una tensione molto importante nella nostra domanda industriale, perché non può essere pagata, quindi quello che si produce sono le chiusure".

La Commissione europea è stata nuovamente invitata ad elaborare ulteriori proposte, dopo aver ascoltato le diverse argomentazioni sul tavolo.