This content is not available in your region

LIVES, il progetto europeo per liberare i fiumi dai rifiuti in plastica

Di Aurora Velez  & Euronews
LIVES, il progetto europeo per liberare i fiumi dai rifiuti in plastica
Diritti d'autore  euronews   -  

Un gruppo di volontari visita ogni settimana le rive del fiume Mosa a Borgharen nei Paesi Bassi.
Anche se il bacino del fiume sembra godere di buona salute, i volontari sono preoccupati.
Il loro obiettivo è fermare i rifiuti che si accumulano sulle rive di questo corso d'acqua che attraversa Paesi Bassi, Belgio e Germania. 

I volontari partecipano a LIVES (Liter Free Rivers and Streams), un progetto europeo all'avanguardia che affronta il problema della plastica nei fiumi e nei torrenti transfrontalieri attraverso un'azione congiunta. Hanno già raccolto circa 260 tonnellate di rifiuti (2018-2022).

"Quello che ho raccolto personalmente ha volumi più grandi di casa mia - commenta Frank Terwindt, coordinatore dell'azione, Schone Rivieren -  Dietro l'angolo c'è un altro cumulo come quello che abbiamo recuperato nelle ultime settimane. Molti dei rifiuti non li vediamo nemmeno perché non arrivano in superficie. Scendono al fondo e poi finiscono nell'oceano".

Uno degli obiettivi del progetto è quello di mappare le aree con la maggior quantità di rifiuti. Per farlo è stato sviluppato un metodo, replicabile altrove, in qualsiasi fiume.

Due volte all'anno, una parte della costa viene setacciata e ogni oggetto trovato viene identificato, la maggior parte è di plastica. 

Finora sono stati identificati 109 tipi di rifiuti.

I dati vengono condivisi dai Paesi dell'Euroregione Mosa-Reno, associati al progetto.

Il budget totale di LIVES è di 1,5 milioni di euro, di cui il 49% è finanziato dalla politica di coesione europea (735.300 euro).

Il restante 51% proviene dalla decina di partner coinvolti: organizzazioni di gestione delle acque, università, ecc.

La rimozione delle plastiche dalle sponde è solo la punta dell'iceberg poiché molte di esse si mescolano al suolo o ai sedimenti e alcune sono piccole come i granuli di polistirolo.

Sylvia Spierts, project manager, LIVES, IVN mostra alcuni dei residui recuperati: "Si tratta dei cosiddetti 'nurdles' o pellet di plastica. Vengono dall'industria e li troviamo lungo tutto il corso della Mosa. I pesci o gli uccelli pensano di poterli mangiare perché sembrano cibo, ma non è così. Perciò, moriranno di fame".

LIVES promuove azioni di sensibilizzazione per ricordare che i rifiuti di plastica sono una minaccia per la biodiversità, la salute e l'ambiente.

Infine, il progetto promuove la creazione di un quadro giuridico per dare ai fiumi la loro "voce".

"Quest'anno abbiamo portato una petizione all'Aia per proteggere meglio il fiume e conferirgli lo status di persona giuridica - dice Noï Boesten, capo progetto "Maas Cleanup" - Se potessi scegliere quali diritti il fiume dovrebbe ottenere, direi il diritto di non essere inquinato e il diritto di svilupparsi liberamente, quindi sia la vita sottomarina che quella sulla riva; e il diritto di avere una voce, il diritto di rappresentanza".