This content is not available in your region

Inflazione, questione energetica, caduta dell'euro sul dollaro: la situazione economica europea

Access to the comments Commenti
Di Giulia Torbidoni  & Euronews
Il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe (al centro).
Il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe (al centro).   -   Diritti d'autore  Olivier Matthys/Associated Press   -  

L'inflazione è alle stelle e le prospettive di crescita si stanno deteriorando. Questa è la difficilissima situazione sul tavolo dei ministri delle Finanze della zona euro nella loro riunione a Bruxelles. 

Ma in questa situazione ci sono dei punti da definire. La prima considerazione da fare è che l'inflazione è destinata a rimanere.

"È vero che la crisi in Ucraina, gli shock dell'offerta e tutti gli effetti secondari sono qui per rimanere più a lungo di quanto abbiamo sperato o previsto. Quindi è anche un dato di fatto che l'inflazione, che si stava ritirando, rimarrà con noi ad alti livelli l'anno prossimo. Questo è ciò che capiamo e dobbiamo tenerne conto. È un dato di fatto", ha detto la ministra delle Finanze dei Paesi Bassi, Sigrid Kaag.

La seconda considerazione è che c'è un rischio reale di carenza di gas il prossimo inverno se la Russia taglia le forniture. La Commissione europea sta lavorando a un piano di emergenza. Eppure, già oggi, il 42% dell'inflazione è dovuto ai prezzi dell'energia.

"Quello che potrebbe cambiare la situazione in cui ci troviamo, e portarci in una situazione economica più difficile, sono i tagli alle forniture e le vere e proprie carenze di approvvigionamento. Questo potrebbe cambiare un quadro che per il momento è un quadro limitato di crescita ridotta e rallentata", ha specificato il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni.

La terza considerazione riguarda la moneta comune: l'euro, ha perso valore rispetto al dollaro e le due valute sono quasi allo stesso livello. L'ultima volta che è successo è stato 20 anni fa.

Secondo l'eurodeputato spagnolo di Renew Europe, Luis Garicano, è ora che la Banca Centrale Europea agisca.

"Vediamo una Bce che sembra ostacolata, con le mani legate. Sta lottando con le mani legate dietro la schiena perché teme di provocare una crisi dell'euro, teme di provocare problemi di debito in alcuni dei suoi membri", ha dichiarato ad Euronews. "Molti governatori provengono da Paesi con un debito eccessivo. Quindi tutti pensano che la Bce lasci che il tempo passi e non agisca più di tanto. Il segnale è quello di un'inflazione elevata in Europa e di un euro più basso e più debole", ha specificato.

Avendo questo quadro in mente, l'obiettivo principale in Europa ora è quello di evitare una recessione.

Che non può essere esclusa.